Go to the english site English site
logo elite Diventa fan su Facebook :::::

 
 
 
Spot Radio
Ascolta Demo Spot Radio
 
Voiceover
Ascolta Demo Voiceover TV CInema Web
 
ID Jingle
Ascolta Demo Jingle
 
Radio Imaging
Ascolta Demo Station Break
 
Programmi e Rubriche
Ascolta Demo Programmi
 
Segreterie e IVR
Ascolta Demo Segreterie
 
MSG Instore/Onboard
Ascolta Demo Audio Instore
 
Voci Maschili
Ascolta Demo Voci Maschili
 
Voci Femminili
Ascolta Voci Femminili
     

A


ACCOUNT: persona che ha il compito di curare i rapporti con il cliente, di interpretarne le esigenze e di trasmetterle correttamente all'interno dell'agenzia affinché il reparto creativo produca messaggi conformi agli obiettivi di comunicazione voluti.

ADVERTISER: persona o impresa che investe in pubblicità. Inserzionista.

ADVERTISING MEDIA: i mezzi di comunicazione classici della pubblicità ( televisione, radio, cinema etc.). 

AUDIENCE: gruppo di persone raggiunte da un mezzo pubblicitario in un determinato periodo.

AUDIO FLAT: registrazione "pura" della voce, non processata.


B


BASE: chiamiamo comunemente base il tappeto musicale che viene utilizzato nell'audio.

BENEFIT
: vantaggio e benefici da proporre al consumatore.

BIANCO/DRY: con audio in bianco/dry intendiamo la sola registrazione della voce, senza base musicale né effetti.

BRAND: marca.

BRAND IMAGE: immagine di marca. 

BRIEF: documento che riassume gli obiettivi della campagna pubblicitaria, le caratteristiche del mercato potenziale e tutte le informazioni necessarie per definire in termini precisi la campagna.

BRIEFING: incontro volto alla definizione degli aspetti operativi e degli obiettivi di una campagna.

BUSINESS TO BUSINESS (B2B): attività di comunicazione rivolta da impresa a impresa.

BUSINESS TO CONSUMER (B2C): attività di comunicazione rivolta da impresa a comsumatore.

C


CAMPAGNA: azione di marketing della quale si è definita la durata, l'obiettivo, la proposta commerciale, la comunicazione, i destinatari. 

CAMPAGNA TEASER: è una campagna pubblicitaria che ne anticipa un'altra, che si scoprirà in seguito. Serve a suscitare attesa, curiosità e a dare forza alla successiva campagna.

CARTELLA AUDIO: è il testo che deve essere letto dallo speaker e l'unità di misura per la quotazioni del lavoro. Per cartella si intendono 30 righe per 50 battute, spazi inclusi. Ogni eccedenza è calcolata come un'ulteriore cartella.

CLAIM
: promessa principale fatta al consumatore in una campagna di comunicazione.

COMMERCIAL: utilizziamo in ELITE questo termine per indicare gli spot cantati. I commercial possono essere: MINISONG ovvero delle brevi canzoncine, spesso sulla falsariga di brani famosi, oppure con LOGO CANTATO dove su una base musicale viene cantato il nome del prodotto o dell'azienda (generalmente con 5"/7" di cantato).

COMPETITOR (PLAYER):
le aziende che si fanno concorrenza in uno stesso mercato.

CODINO: nella nostra accezione, il segmento finale di uno spot che può essere variato nel tempo.

CONVOCAZIONE: chiamata (e relativo costo) di uno speaker, convocato in studio per la realizzazione di uno specifico progetto. La convocazione permette al cliente di presenziare e intervenire direttamente nella fase di registrazione.

COPYWRITER: la persona che ha il compito di ideare i testi pubblicitari.

D


DIFFUSIONE INSTORE/ON BOARD: diffusione dell'audio in uno o più punti vendita o su mezzi di trasporto.

DIFFUSIONE LOCALE:
diffusione dell'audio su emittenti radio televisive locali, provinciali e regionali.

DIFFUSIONE MULTI-REGIONALE: diffusione dell'audio su emittenti radio televisive multi-regionali (superstation) o su differenti radio locali, in più regioni.

DIFFUSIONE NAZIONALE:
diffusione dell'audio su emittenti radio televisive nazionali (network).

DIFFUSIONE SATELLITARE: diffusione dell'audio su emittenti televisive satellitari.

DIRETTORE DI REGISTRAZIONE:
in ELITE è la persona che segue le registrazioni. Ha una funzione a volte simile al regista, ma con esigenze tecniche e produttive che ne limitano la componente artistica. E' inoltre la persona che sorveglia l'interpretazione e la dizione degli speaker.

DIZIONE:
la tecnica (o l'arte) del pronunciare in modo chiaro e corretto le parole, secondo regole convenzionali. Agli speaker è richiesto sempre l'utilizzo della dizione, salvo eccezioni (sketch etc.). Tra le regole più insidiose ci sono quelle sulla pronuncia dell'accento tonico o grave.
ACCENTO GRAVE: ò è per indicare le vocali da pronunciare aperte. Es.: pòdio, sèdia.
ACCENTO ACUTO:ó é per indicare le vocali da pronunciare chiuse. Es.: rósso, vérde.
Essendo umanamente impossibile conoscere la corretta pronuncia di tutte le parole, in fase di registrazione si utilizza il DOP (Dizionario d'Ortografia e di Pronunzia), soprattutto per termini poco utilizzati e toponimi.

F


FILE: insieme di informazioni memorizzate in digitale.
FORMATI FILE TESTO che utilizziamo generalmente: DOC, PDF.
FORMATI FILE AUDIO che utilizziamo generalmente: MP3, WAV, AIFF.

FOLLOW UP
: seguito di una campagna pubblicitaria che mette in evidenza nuovi aspetti della comunicazione rafforzandola.

FTP: protocollo per la trasmissione di file su internet. Lo utilizziamo soprattutto per la consegna di file di grandi dimensioni, non sostenibili con l'invio tramite e-mail. Richiede che si faccia una autenticazione sul nostro server per cui vengono forniti user-id e password.

I


IMMAGINE: sintesi delle opinioni che il pubblico ha di un'impresa e lo dei suoi prodotti.

J


JINGLE ID: il jingle ID è il motivo suonato (logo musicale) o cantato che serve come identificativo di una Radio o di una TV.

L


LOCALIZZAZIONE: con questo termine intendiamo la traduzione e lo speakeraggio in lingue diverse dall'originale.

M


MARCA: nome, disegno, segno grafico che identifica un prodotto o una linea di prodotti o un'impresa.

MARCHIO: quella parte della marca che è riconoscibile ma non è pronunciabile, come un simbolo, un disegno, un colore o un tipo di iscrizione caratteristici. 

MEDIA: mezzi di comunicazione pubblicitaria: televisione, radio, stampa, cinema e affissioni, internet..

P


PRODUCER: è il coordinatore dei professionisti e dei servizi tecnici necessari alla produzione e definisce la parte economica, organizzativa e tecnica per la realizzazione dell'audio.

PROMO DI RETE: è il messaggio con cui un emittente Radio o TV promuove un proprio programma o un particolare evento.

R


REDAZIONALE: pubblicità proposta sotto forma di notizia o servizio di informazione. Ha durata più lunga rispetto allo spot (anche diversi minuti) .

ROUGH: abbozzo di un annuncio pubblicitario.

S


SFX: acronimo per sound effect, ovvero gli effetti sonori utilizzati nell'audio.

SKETCH:
scenetta iniziale dello spot che ha lo scopo di attirare l'attenzione dell'ascoltatore, suscitandone possibilmente una risata. Altre volte la scenetta non ha intenti comici, ma serve a contestualizzare un prodotto o un servizio all'interno di una situazione più o meno realistica. In questo caso la tecnica viene chiamata storytelling. Lo sketch necessita di speaker con buone capacità recitative. E' un tipo di spot che si consiglia di utilizzare sul breve periodo.

SPEAKER: il professionista che presta la propria voce per la lettura del messaggio. Lo speaker professionista conosce la dizione e le varie tecniche di respirazione, impostazione e intonazione e può avere capacità recitative.

SPEAKERAGGIO: il termine generico che utilizziamo per l'attività dello speaker.

SPOT: messaggio pubblicitario radio o TV.

SPOT DURATA: i tagli più frequenti in radio e TV sono 15", 20" e 30", ma vengono utilizzati anche i 7" e 10". La durata degli spot può essere più o meno tassativa, a discrezione dell'emittente. E' comunque sempre tassativa sui network nazionali.

SPOT DI PRODOTTO:
nella nostra accezione è lo spot che ha il compito di stimolare il consumatore verso l'acquisto di uno specifico prodotto o servizio. Lo spot può essere creativo oppure concentrarsi direttamente sulla vendita. SPOT HARD SELL, molto diretto con continua ripetizione dei benefit, solitammente realizzato in modo piuttosto aggressivo. SPOT SOFT SELL con un messaggio più confidenziale, di forte carica emozionale, interpretato con un approccio sincero e credibile.

SPOT D'IMMAGINE:
nella nostra accezione è lo spot che ha la funzione di creare o differenziare l'immagine di un'azienda, influendo sulla sua percezione da parte del consumatore. Creatività, linguaggio, voci, musica e montaggio sono quindi studiati coerentemente con il tipo d'azienda e con il target di riferimento.

SPOT ISTITUZIONALE:
nella nostra accezione è lo spot con cui un'azienda informa e comunica qualcosa all'ascoltatore. Nello specifico è uno spot in cui viene tralasciata la creatività (o comunque viene ridotta) per lasciare spazio alla chiarezza del messaggio. Viene solitamente realizzato ad 1 voce, generalmente autorevole.

STATION ID - STATION BREAK: nella nostra accezione è il messaggio vocale montato con base ed effetti in cui viene detto il nome dell'emittente radiofonica che si sta ascoltando ed eventualmente un pay-off o la frequenza.

T


TARGET GROUP: gruppo di persone alle quali è diretta la comunicazione pubblicitaria.

TECNICO: è il termine generico che utilizziamo per il personale addetto alle registrazioni e alla post-produzione.
FONICO: il tecnico che si occupa della registrazione delle voci.
SOUND DESIGNER: il tecnico che si occupa del montaggio di suoni e musiche. Spesso lavora a contatto con il creativo, che si serve delle sue conoscenze per determinare musiche ed effetti da inserire nel testo. E' inoltre in grado di creare suoni ed effetti ex novo.

TESTIMONIAL:  
personaggio che dà maggior garanzia al prodotto. Può essere un consumatore soddisfatto, un personaggio famoso dello sport o dello spettacolo oppure lo stesso proprietario di un'azienda.

TURNI DI REGISTRAZIONE: sono sessioni di lavoro, che nei nostri studi avvengono tutti i giorni al mattino e che prevedono la registrazione di molteplici produzioni, in modo da ammortizzare i costi di convocazione degli speaker su più lavorazioni. Ad ogni turno di registrazione in ELITE partecipano dai 3 ai 6 speaker. Nei turni viene registrata esclusivamente la pubblicità locale e non è prevista la presenza/partecipazione dei clienti.

U


USP (Unique Selling Proposition): caratteristica distintiva del prodotto. Si intende una caratteristica del prodotto, unica rispetto a quelli concorrenti, che il consumatore percepisce nettamente (es. prezzo più basso, prestazioni particolari, ecc.).

V


VF: acronimo per voce femminile.

VM
: acronimo per voce maschile.

VOCE OFF: la voce fuori campo dello spot .

VOCE DI RETE: è uno speaker che presta la propria voce a un'emittente diventandone una sorta di identificativo. Può intrattenere con una determinata rete un rapporto di collaborazione in esclusiva o meno.

VOICE OVER: è, nella nostra accezione, la parte parlata non recitata generalmente a commento di immagini e filmati nelle produzioni multimediali.

X


X-BRAND: prodotti senza marchio utilizzati come riferimento generico che consente di enfatizzare il prodotto oggetto della pubblicità. Con l'introduzione anche in Italia della pubblicità comparativa, il ricorso a questi prodotti tende a diminuire.

 

Precisazione. In questa pagina trovate i termini tecnici che utilizziamo più di frequente nel nostro lavoro. Il glossario non ha un valore universale. Poiché negli anni molti termini sono stati mutuati dal linguaggio anglosassone perdendo il loro significato originario e non esistendo allo stato dell'arte una terminologia condivisa nel nostro settore, per alcune voci riportiamo le accezioni con cui noi genericamente le intendiamo.

©2014 - ELITE S.r.l. – Tutti i diritti riservati
.